LIVING UNIT IN BEIJING

Smontare-rimontare, smontare-ricostruire, disunire-ricongiungersi sono coppie contrastanti, termini estremi, ma anche dispositivi che aiutano a produrre una nuova entità, senza cancellare ciò che la storia ha prodotto o l'eliminazione di identità esistenti. Pertanto, esse appaiono come gli unici strumenti vitali in una società che è innegabilmente globalizzato.
In omaggio alla Yin Yu Tang House che originariamente era situata nel villaggio di Huizhou nella provincia cinese di Anhui, e poi smontato e ri-eretta al Museo Peabody Essex per narrare la Cina di reminiscenze, memorie e tradizioni, abbiamo deciso di smontare un villa tradizionale cinese, tipica della regione in cui è ubicato il sito Ci sarebbe poi rimontarlo sotto una nuova serie di norme nel settore della concorrenza. In particolare, abbiamo trasformato quello che è stato originariamente concepito come un ampio sistema di costruzione in una soluzione in cui sono impilati i volumi, dando così luogo ad un'unità vera alloggiamento. Il piano seminterrato, staccato dal resto della casa, ricorda area pubblica e comunitaria l'antica della villa, mentre la casa vera e propria è al piano superiore. Questo rappresenta, al contrario, un luogo privato, nascosto da sguardi indiscreti, proprio come il recinto tradizionale. Così, pur mantenendo una certa chiave, cinese, elementi tradizionali, abbiamo progettato una casa moderna, flessibile, basato sui principi della sostenibilità ambientale. I primi due piani ospitano uno spazio espositivo e uno studio doppia altezza, entrambe dotate di un sistema di pareti scorrevoli, che rende lo spazio completamente flessibile. La casa sul terzo livello è anche definito da pannelli, che garantiscono la creazione di layout multipli spaziali scorrevole, con le diverse abitazioni che possono essere combinati in vari modi. Infine, un giardino sul quarto livello comprende alcuni elementi simbolici, significativi anche tipici della tradizione. Questi includono la porta, in questo caso segnalata da una scala a chiocciola, il percorso, sottolineato da una linea tratteggiata in cui alcuni bonsai basamento, acqua che qui diventa una piscina e, infine, rocce variamente disposte anche evocando una disposizione tradizionale.
Tutti gli appartamenti sono concepiti come unità indipendenti. Tuttavia, possono anche essere combinate in vari modi, un accordo reso possibile dalle scale di ingresso e centrale terrazza-serra. Questo elemento, che evoca l'antico cortile e il patio tradizionale cinese, diventa caratteristica principale dell'edificio. Si sviluppa su due livelli, con la serra illuminata da un sistema di pannelli riflettenti disposti nello spazio interstiziale tra aree pubbliche e private al piano inferiore, mentre la terrazza raggiunge il livello del giardino. Il patio-serra colpisce l'intero spazio pubblico e privato, ed è costituito da una struttura a doppio vetro trasparente, in cui sia l'acqua piovana e l'acqua dal flusso piscina. Il patio-serra fornisce la luce, segna il passare del tempo e crea effetti ottici speciali. Tuttavia, serve anche un'altra funzione: raccoglie l'acqua piovana e la rende disponibile per l'uso domestico. Oggi più che mai, l'acqua è una risorsa preziosa con un significato simbolico, ma, soprattutto, si tratta di un elemento fondamentale, che deve essere preservata a tutti i costi. Il sistema è stato concepito, in modo che convoglia l'acqua attraverso le pareti a doppio vetro in un grande serbatoio, sotterraneo dove, trattata e distillato, è pronto per essere utilizzato in tutti gli appartamenti.

Anno: 2007
Architetto: Anna Rita Emili
Collaboratore: Matteo Centi

1/6