MODULO STRUTTURALE INFINITO

La struttura in esame si basa sul principio del quadrato. Questo è sempre essendo il paradigma di pensiero architettonico e rappresenta uno strumento per delimitare lo spazio definendo parti del tutto.

Ispirato dalla teoria di Bacon del 1974, che è fondamentalmente una semplice, deterministica, espressione frattale (condizione ambientale di un quadrato) e rappresenta il processo di involuzione quadratica (involuzione in quanto sviluppa all'interno di un quadrato, una condizione che è impossibile trovare in geometria euclidea ), presentiamo un modello contatore.

In primo luogo, il quadrato è diviso mediante un sistema croce.

Lo stesso principio comprende ciascuno dei nove quadrati dalla struttura a forma di croce. È possibile estendere questo principio per altre due fasi, e quindi ad un'altra fase di sviluppo.

L'articolazione della linea sarà estesa all'infinito, mantenendo il perimetro del quadrato iniziale invariato. Consideriamo una delle fasi iniziali del processo è quello di evidenziare una speciale, condizione formale, come si trasforma da un semplice oggetto puro in una forma più articolata. Una volta abbiamo identificato il punto di partenza, la forma di croce, abbiamo costruito un modello tridimensionale per adattarsi agli altri, che definiscono un continuo cambiamento, forma articolata più complesso, basato sulla flessibilità e semplicità costruttiva e trasporto. Questa è una forma che può essere adattata alle diverse esigenze e posizioni diverse.


Modulo di base Il modulo è autoportante ed è composto da tre strati sovrapposti di laminato composito. I materiali compositi sono realizzati utilizzando una matrice polimerica rinforzata con diversi tipi di fibre. La matrice è il distributore di carico e la fibra conferisce al prodotto una retta, durezza meccanica e leggerezza. Questo sistema di materiale è, pertanto, versatile, leggero e semplice da installare e da lavorare, riciclabile, resistente alla corrosione, ecc fogli opachi o trasparenti con un basso impatto ambientale sono posizionati in modo tale che esse attraversano nel centro della pannello. Successivamente, il modulo viene piegato per dare una dimensione di 1,6 x 1,6 m. Il sistema di ancoraggio è ottenuta mediante 50cm x 50cm piattaforme in acciaio, che possono essere fissati al suolo. Più moduli sono montati insieme e fissate con bulloni.

Il pannello trasversale centrale ha ali flessibili, che consentono alla struttura di essere completamente chiusa. Se i pilastri diventano troppo grandi, hanno gambe lunghe piegatori fissi alle ali della struttura.

Il risultato finale è estremamente varia. Si può iniziare con una semplice forma a cupola a diventare forme zoomorfi. Questo è il motivo per cui non è possibile confrontarlo con le strutture geodetiche di Buckminster Fuller, concepito come una forma unica e indissolubile. Infatti, i moduli sono autoportanti e non sono elementi tridimensionali, successivamente sbattuta come erano le architetture di Fuller.



Anno: 2002 (realizzazione del prototipo)



Architetto: Anna Rita Emili



Collaboratore: Jo Fonti

1/12